Oli Essenziali

Aromaterapia e Oli Essenziali

GLI OLI ESSENZIALI SONO MISCELE DI SOSTANZE AROMATICHE ABBASTANZA COMPLESSE PRESENTI NELLE FOGLIE,NELLA BUCCIA DEI FRUTTI,NEI FIORI,NELLE RESINE E NEL LEGNO DI MOLTE PIANTE.

SONO VOLATILI,INFIAMMABILI,SOLUBILI IN OLIO E ALCOOL MA NON IN ACQUA.

QUESTI POSSONO ESSERE USATI COME AIUTO NELLA CURA DELLE MALATTIE, LA PRESERVAZIONE DELLA SALUTE E COME ANTI MICROBICI.

LA QUANTITA’ DI OLIO ESSENZIALE NELLA PIANTA è MINIMO FRA’ IL 3 E LO 0.01%, LA QUALITA’ Può VARIARE POI IN BASE AL TEMPO DI RACCOLTA. IL TERRENO, CLIMA, IL PROCESSO DI ESTRAZIONE E MODALITA’ DI CONSERVAZIONE.

ALTRO ASPETTO IMPORTANTE E’ IL MOMENTO “BALSAMICO” DELLA PIANTA, CIOE’ AL PUNTO DI MASSIMA CONCENTRAZIONE E QUALITA’ DEI PRINCIPI ODOROSI NEL SUO CICLO VITALE.

L’ESSENZA DELLA PIANTA E’ LO SCHEMA DELLA SUA INTELLIGENZA, INFATTI NON POTRANNO MAI ESSERCI DUE PIANTE UGUALI IN NATURA E PROFUMATE ALLO STESSO MODO.

IL PRINCIPIO ATTIVO CHE SOMMA E CONCENTRA INSIEME TUTTE LE QULITA’ DELLA SUA SPECIE, MA ANCHE QUELLE “PERSONALI” ; CHE INCLUDE LA SUA STORIA, LE CONDIZIONI DI SALUTE E DELL’AMBIENTE.

L’ENERGIA PURA DELLA PIANTA, LIBERATA QUINDI DALLE PARTI PESANTI E’ ESTREMAMENTE POTENTE,INFATTI UNA GOCCIA DI OLIO ESSENZIALE SULLA PELLE SI PUO’ RISCONTRARE DOPO POCO NEL SANGUE, TANTO E’ PENETRANTE E FORTE L’ESSENZA.

LA PRODUZIONE DELL’ESSENZA E’ IN DIRETTA PROPORZIONE CON L’INTENSITA’ DELLA LUCE E DEL TEMPO DI ESPOSIZIONE.

DAL PUNTO DI VISTA CHIMICO VIENE SPIEGATO COSI’:

SI PERTE DA UNA SEMPLICE MOLECOLA DI BASE CHIAMATA EMITERPENE, INTORNO AL QUALE CON IL PROCESSO DELLA BIOSINTESI SI CONDENSANO LE SINGOLE COMPONENTI; E TUTTO AVVIENE GRAZIE AD UN REAGENTE, L’ACIDO PIROFOSFORICO (PYR = FUOCO / PHOSPHERON = PORTATORE DI LUCE) CHE SI ATTIVA E DETERMINA LE CONDIZIONI DI CALORE E LUMINOSITA’.

FUOCO E ARIA DUNQUE SONO GLI ELEMENTI DA CUI LE ESSENZE HANNO ORIGINE E ATTRAVERSO I QUALI SI APRONO AL MONDO.

GLI ALCHIMISTI CHIAMAVANO SPIRITO QUESTE SOSTANZE E PER QUESTO POTEVANO ENTRARE IN CONNSSIONE CON LA NATURA ETEREA DELL’UOMO, OGGI LA CHIAMANO PSICHE.

PROPRIETA’ GENERALI DEGLI OLI ESSENZIALI:

ANTISETTICHE:

sia per contatto diretto che per vaporizzazione nell’ambiente.

Esempio nell’ antichità per arginare epidemie venivano usati i fumi delle essenze e nei paesi più caldi si fa uso di spezie per evitare infezioni intestinali.

L’essenza non interferisce con i tessuti sani e questi oli non perdono efficacia con il tempo anzi aiutano le difese a rinforzarsi 

ANTITOSSICHE:

in grado di legarsi alle tossine prodotte dal deterioramento delle cellule e di inattivarle, arrestando così il processo di decomposizione.

Questi venivano utilizzati in antichità per l’imbalsamazione dei cadaveri.

Alcuni oli sono così potenti da neutralizzare il veleno di vespe,ragni e altri insetti ed essere un valido aiuto momentaneo nei morsi delle vipere.

CICRATIZZANTI:

stimolano la produzione di globuli rossi e di leucociti, quindi aiutano la cicatrizzazione e facilitano i processi di guarigione di piaghe e ferite. 

ANTINEVRALGICHE E ANTIREUMATICHE:

aiutano ad alleviare i dolori causati da queste affezioni. 

TONIFICANTI:

agiscono sulle ghiandole endocrine, in modo particolare sulla corteccia surrenale, da cui dipende la gestione dello stress. 

ANTISPASTICO:

contro i tipi di coliche, agisce sugli spasmi gastrici e viscerali. 

STIMOLANTI:

dell’apparato genitale, inerente alla sessualità

PROPRIETA’ ORMONALI:

agiscono come riequilibranti sulle ghiandole endocrine.

Questi oli sono molto versatili ed agiscono in armonia con il corpo assecondando i ritmi vitali,spesso presentano quindi un duplice potere:

stimolante o sedativo / tonificante o rilassante, lasciando al corpo il compito di selezionare e assimilare i principi attivi di cui ha bisogno.

Al contrario di quello che i farmaci di sintesi possono provocare la cui associazione non controllata può causare effetti devastanti, gli oli se uniti armonizzano tra loro le proprietà senza creare contrasti.

Bisogna comunque fare attenzione alle particolarità di questi oli, esempio:

camomilla, maggiorana,lavanda,melissa sono molto sedativi, quindi sconsigliate quando serve energia, altre come basilico,rosmarino,issopo,ginepro, che vanno usate preferibilmente di mattina essendo molto toniche e ipertensive, così da non ostacolare il sonno.

LA SCALA DI VOLATILITA’

Cioè la velocità di dispersione nell’aria una volta esposte.

Ci sono tre classi o toni:

superiore rosmarino,salvia,eucalipto,arancio, sono quelle più veloci, leggiere e quindi più volatili, potere rapido, stimolante e rinfrescante.

medio: lavanda,menta,basilico: i più numerosi,le loro proprietà sono riequilibranti della mente, degli organi e dei processi metabolici.

di base: legni e resine, quelle più pesanti, rilassanti e sedative, si utilizzano per ancorare e trattenere i profumi leggieri.

n.b: perché un essenza sia pura e quindi non prendere cose contraffatte, sarebbe idoneo controllare se è possibile assumerla per via orale, se non lo è quasi certamente è contraffatta. 

I METODI DI ESTRAZIONE:

nell’antichità si procedeva con differenti metodi, quali:

la macerazione (quella più diffusa)

in olio mantenuto a calore venivano immerse le piante che stavano a rimescolare ore/giorni o settimane sino a che l’olio non si impregnava del profumo, poi veniva filtrato e dopo la decantazione lo ponevano in recipienti di terracotta.

l’enfleurage:, quella più difficile e raffinata soprattutto dai persiani per l’unguento alla rosa.

veniva utilizzata per la preparazione di unguenti e pomate.

Su delle graticole veniva posto grasso animale su cui si mettevano i petali dei fiori più delicati, appassendo cedevano il profumo e poi venivano sostituiti da altri fiori freschi:

l’operazione si ripeteva sino a che il grasso non prendeva la giusta saturazione.

la spremitura (utilizzata in antichità dagli egizi) a sacco: dopo essere state pestate e tritate tutte le parti odorose della pianta venivano messe in un panno di lino che poi veniva chiuso e strizzato con dei bastoni in legno che ruotando strizzavano il sacco e i succhi ne uscivano, dopo la decantazione di qualche giorno il liquido veniva versato in flaconi e sigillato.

Oggi tuttavia adoperiamo:

la distillazione in corrente di vapore, sfruttando la facilità di trasporto della componente volatile degli oli da parte del vapore acqueo: sopra un contenitore di acqua bollente viene posta una grata di materia vegetale, il vapore salendo cattura le particelle odorose, vengono poi trasportate in un condotto in un vaso refrigerante, dove il vapore torna ad essere acqua precipita separandosi dalle particelle oleose.

Qui si fa uscire l’acqua aromatizzata e ne rimane l’olio essenziale.

Per alcuni oli tipo il timo il procedimento si effettua due volte così da togliere sostanze particolarmente irritanti.

Spremitura a freddo: con una macchina apposita si riesce a togliere contemporaneamente il succo dai frutti e l’essenza dalle scorze.

l’enfleurage:, anche oggi come all’ora è una pratica riservata ai fiori più preziosi e delicati,oggi però viene utilizzata la paraffina che poi viene separata con solventi dall’essenza.

Solventi: per i fiori dal profumo facile ad alterarsi ad alte temperature,

i fiori vengono attraversati da un solvente volatile inodore e di bassa tossicità che poi verrà allontanato con temperatura moderata, il primo prodotto di questa processo è una massa solida da cui viene estratta la cera, con un altro solvente che verrà poi eliminato attraverso una distillazione a pressione ridotta.

Il costo essendo relativamente basso è quello più scelto dalle case cosmetiche.

PIANTE E SEGNATURE PLANETARIE:

SOLE/YANG

potenza, forza e vita,

cuore/calore nel corpo/cervello/occhi/sistema celebro-spinale

maschile/positivo/forte/caldo/secco/espansivo/cinetico/sanguino.

Le piante governate dal sole sono quindi:

cardiache/tonificanti/stimolanti/rigeneranti/sudorifere/riscaldanti

 

LUNA/YIN

Espressione del principio femminile,governa le acque della terra, maree, le semine ed i raccolti.

Secrezioni/organi femminili/cervello:parte mentale/immaginazione.

Fredda/umida/negativa/passiva/sedativa

Le piante governate da essa sono:

rafreddanti/emollienti/fluidificanti/depurative/sedative ed influiscono sugli organi di riproduzione.

 

MERCURIO( hermes)

mobilità e comunicazione a tutti i livelli, nel corpo è associato alla respirazione/scambio cellulare/trasmissione nervosa e transito intestinale/linguaggio/udito.

Insieme alla luna presiede le funzioni del cervello

Nella sfera psichica governa relazioni sociali/rapporti interpersonali/adattamento e prontezza.

È ermafrodita come pianeta, cioè in base ai pianeti che incontra può assumere qualità maschili o femminili:

freddo/secco/nervoso/eccitabile/impulsivo/razionale/ingegnoso/comprensivo/frettoloso/incostante/corrosivo.

Le essenze quindi saranno:

depurative/stimolanti/attive sull’apparato circolatorio/sulle vie respiratorie/sistema nervoso/stimolano intelligenza razionale e capacità di comunicazione.

 

VENERE

L’aspetto femminile nella parte sensuale e affettivo.

Bellezza/carnagione/fertilità/ovaie/seno/circolazione venosa/reni/addome/processo conservante nel corpo/duplicazione cellulare/

Energia yin con una nota calda/nutriente/rilassante/aggraziata/erotica/accogliente.

Le essenze venusiane sono quindi: calmanti/depurative/diuretiche/rinfrescanti/antinfiammatorie/sfera emotiva e fascino personale/bellezza e gioia/calore nei sentimenti.

 MARTE

Espressione del maschile in eccesso,in guerra come in amore marte e’ violento/focoso/audace/impulsivo.

Governa le difese dell’organismo alzando barriere organiche e chimiche contro i batteri, innescando reazioni infiammatorie e febbrili che bruciano e purificano il corpo.

Associato all’energia muscolare/sessualità maschile/al sangue (dove partecipa fissando nell’emoglobina il ferro preso dagli alimenti).

Pianeta yang per eccellenza/attivo/accelerante/combustivo/caldo/sensuale/risoluto/impulsivo.

Le essenze saranno quindi:

tonificanti/stimolanti/afrodisiache/riscaldanti/attive sul sistema nervoso e sulle difese dell’organismo.

GIOVE

Governa la crescita/il metabolismo degli zuccheri/dei grassi e delle proteine quindi delle energie che ne derivano/presiede alle funzioni del fegato e dell’apparato gastrico/della circolazione arteriosa/l’elasticità dei tessuti/tutto il complesso ormonale.

L’influsso sull’uomo è di protezione/espansività/elasticizzante/energizzante.

Le essenze sono: balsamiche/antispasmodiche/calmanti/tonificanti/emollienti/antinfiammatorie/regolatrici del metabolismo.

SATURNO

Concentrazione ,la forza coagulante che conduce la materia alla sua massima densità a cui seguirà la dissoluzione.

Porta la mente ai suoi processi essenziali liberandola dall’effimero e dalle passioni per realizzare la trascendenza.

Governa la ragione profonda e segreta in cui avvengono le trasformazioni.

Freddo/distante/inflessibile è padrone del tempo perché ne resta al di fuori/padrone della memoria perché immune ai sentimenti.

Spesso considerato pianeta malefico, ma saturno è impietoso solo con chi è indulgente con se stesso.

Nelle vibrazioni più alte c’è il principio filosofico/la forza morale/l’evoluzione dello spirito.

Associato allo scheletro/articolazioni/tessuti come unghie e denti/formazione dell’urina e bile/presiede al controllo della crescita e alla conservazione dei tessuti.

Freddo/ascetico/austero/costante/castigatore e redentore

Le piante a lui legate sono quelle simbolo di immortalità

Sempreverdi /funerarie/dal legno incorruttibile.

Con le proprietà astringenti/antiflogistiche/cicatrizzanti/sedative/coagulanti/agiscono sulla sfera psichica a vantaggio della razionalità/serenità che deriva dalla chiarezza delle idee.

Oli Essenziali

Vestibulum ac diam sit amet quam vehicula elementum sed sit amet dui. Curabitur aliquet quam...

Oli Essenziali

Richiedi Informazioni

Contattaci per maggiori informazioni sui prossimi eventi in programma o per una consulenza personale

[contact-form-7 404 "Not Found"]